la tavola del mese - settembre-oltrelatavola

Ph via

SETTEMBRE

Preparare le tavole per il mese di Settembre mi dà la stessa sensazione di quando, da bambina, mi preparavo mentalmente al rientro scolastico. Un nuovo inizio, una stagione da organizzare, tantissime idee e soprattutto la voglia di migliorare sempre. Quando ho iniziato a scrivere questo blog mi sono detta di scegliere la qualità alla quantità, con argomenti studiati dall’inizio, dettagli curati per una presentazione che potesse soddisfare chi, come me, cerca l’armonia anche nel particolare.

Piano piano stiamo crescendo e soprattutto si stabiliscono i lettori che mi seguono. Era ciò che volevo. Avere la fiducia di chi mi legge offrendo appuntamenti costanti verso il Bello per continuare a collaborare insieme.

Questo mese perciò vi regalerò il piacere di spaziare tra allestimenti unici nel loro genere, differenti nello stile, ma ognuno dalla capacità di affascinare chi ci segue. Ogni tavola è stata infatti studiata e creata con grande gentilezza e disponibilità, ma soprattutto con grande maestria, seguendo il tema di questo mese: Fichi & Uva.

Ph via


GRAPPOLI DI VENDEMMIA

Settembre, il mese perfetto per organizzare un piccolo ristoro dopo le fatiche della vendemmia. In un angolo di campagna, con intorno la natura ancora verdeggiante ed un clima già clemente nelle temperature, è stato allestito un buffet per accogliere i partecipanti alla raccolta dell’uva. Tutto richiama il tema: dal color mosto delle candele ai bicchieri in vetro violetto e naturalmente i grappoli sistemati a centrotavola oppure sparsi un po’ dovunque sulla tavola. Una tovaglia a grandi scacchi nei colori bianco e grezzo richiama il naturale dei ciuffi d’erba nei vasi e della paglia.

Ph via

Ph via

Particolare dell’allestimento: un bellissimo centrotavola creato con un cesto di cocco intrecciato e un fotoforo nel mezzo. Intorno, a riempire, tanti grappoli colorati, foglie d’uva e fiori color vino. Due vasetti di cotto dove raccogliere informalmente le posate e uva violetta dipinta sui piatti.


GRAPPOLI VINTAGE

L’Uva, si sa, è simbolo di prosperità e buon augurio e tutte le tavole pubblicate in questo articolo vogliono essere il nostro pensiero positivo per il futuro a venire. Quando ho immaginato l’allestimento della mia tavola per il mese di Settembre ho tirato fuori tutto quello che avevo con la rappresentazione dell’Uva.

Sono partita dai candelieri in bronzo e ottone di manifattura francese anni ’40 acquistati da Punto Retro, davvero inusuali ma soprattutto, con i loro decori di grappoli d’uva e spighe di grano, non potevano essere più beneauguranti. Una tovaglia con i tipici decori di fattura romagnola a richiamare perfettamente il nostro tema: su questa base ho inserito i sottopiatti di vimini intrecciato e paglia di Vienna, molto adatti per creare quel mix ricercato di country chic.

Piatti da antipasto Villeroy et Boch in porcellana de Il Piccolo Emporio dai decori floreali in tono con la tovaglia si accompagnano a dei piatti bianchi in ceramica lavorata. Entrambi i servizi ben si adattano al sottopiatto in vimini per stile e colori.

Primo piano dei candelieri in bronzo di Punto Retro e dei bicchieri in vetro inciso, dello stesso colore ma in forme differenti, trovati ad un mercatino anni prima.

La tovaglia in lino grezzo è decorata con la tecnica degli stampi con i disegni caratteristici della Romagna. E una foglia birichina, innamoratasi della tavola, si è posata proprio mentre scattavo la foto. Come potevo non lasciarla nello scatto?

Ho voluto accompagnare il bronzo delicato dei candelieri di Punto Retro con delle posate da frutta fine ‘800 di le.dydy_romantic_vintage dalla lama in ottone e il manico in Sheffield. Le trovo davvero particolari e delicate, perfettamente abbinabili a stoviglie importanti dal bordo oro.


GRAPPOLI & COLORE

Una tavola coloratissima, allegra, quasi di sapore Gipsy, questa allestita da Serena Villa Alicata di e_tantifioridililla che con il suo gusto cromatico innato ha accostato elementi differenti tra loro in un arcobaleno spumeggiante. Un modo gioioso per far rivivere pezzi d’antiquariato e vintage in un allestimento che immaginiamo perfetto sotto un pergolato, tra profumi di grappoli non ancora raccolti e il canto delle cicale al sole..

Sulla tavola creata da Serena Villa Alicata di e_tantifioridililla: piatti di ispirazione naturalista di Bordallo Pinheiro, posate antiche di famiglia, bicchieri trasparenti Ikea e bicchieri colorati Villa d’Este. Tovaglioli floreali di Zara Home, mentre la brocca da dove “cadono” i grappoli d’uva è un pezzo vintage.


Queste che vi presento sono due tavole allestite con tovaglie di grande personalità, dalla fantasia settembrina con foglie e grappoli d’uva, dove i disegni e i colori giocano un ruolo fondamentale, tanto da richiedere un’apparecchiatura essenziale per non entrare in competizione con queste stoffe “prime donne”.

Monica di Raccontamiunatavola ha saputo presentare al meglio queste bellissime tovaglie, create con tessuti prodotti da un’azienda con la quale Monica collabora, in grado di realizzare ogni tipo di biancheria per la casa. Tutta la produzione è rigorosamente Made in Italy e tailor-made su richiesta del cliente.

Tavola allestita da Monica di Raccontamiunatavola con stoffe in cotone 100% stampato fantasia e tessuto a damier.

L’IDEA CHE CI PIACE: Una cena a due godendo di un panorama mozzafiato. Bottiglie trasformate in portacandela, bicchieri e stoviglie nella stessa sfumatura rosata dell’uva stampata e un meraviglioso centrotavola di foglie, fili e grappoli che corre lungo tutta la tavola fino a “tuffarsi” giù nell’erba..

Foto e tavola di Monica di Raccontamiunatavola.

Versione azzurra della tavola precedente con una combinazione tra il tessuto stampato a grappoli in rasatello di cotone e una stoffa tinta unita. Tovaglioli in tessuto di cotone damier.

Posto tavola basic con stoviglie in ceramica, dalla bellissima forma sagomata, nella stessa sfumatura grigio-verde delle foglie della tovaglia.

L’IDEA CHE CI PIACE: Presentare un grappolino di uva in una coppa dallo stelo alto e sottile, quasi un assaggio di vendemmia più che un dessert fine pasto.


GRAPPOLI COUNTRY CHIC

Il periodo di vendemmia può essere anche occasione per una serie di inviti in casa dove la tavola diventa teatro di eleganza e ricercatezza. In questo è maestra Isabel Rodriguez che con le sue tavole creative e raffinate riesce sempre a stupire e farci sognare.

L’allestimento realizzato per questo mese dedicato alla frutta settembrina richiama un elegante pranzo post vendemmia: una tovaglia a scacchi bianchi e verdi, quasi a suggerire l’idea di pic-nic in mezzo alla campagna, si mescola a cristalli intagliati rosso vino e piatti di ceramica dipinta in un sapiente mix di ricercatezza e semplicità.

Tavola ideata da Isabel Rodriguez per Oltrelatavola. Grazie Isabel per questo splendore!

Foto e tavola di Isabel Rodriguez

I DETTAGLI CHE CI PIACCIONO: foglie di uva intorno alla base del candeliere in cristallo, a formare una bobèche (piattino anti gocciolamento) naturale.

Foto e tavola di Isabel Rodriguez

I DETTAGLI CHE CI PIACCIONO: il nastro in gros grain moiré color mosto morbidamente annodato intorno al tovagliolo. Facile da disfare per l’ospite regala una nota raffinata in più.

Foto e tavola di Isabel Rodriguez

I DETTAGLI CHE CI PIACCIONO: i portacandela in cristallo di altezza discendente con candele alternate nei colori base dell’allestimento e i fiori di ortensia scelti nelle sfumature dei grappoli d’uva..


GRAPPOLI EN VILLE

Passiamo ora ad un inside parigino, ambienti chiari dove l’impronta del passato é ammorbidita dalla modernità del presente. Marie Caroline, la nostra ospite, ci ha preparato una tavola piena di storia e ricordi di famiglia, dalla tovaglia antica in lino con i monogrammi ricamati, alle posate e stoviglie del 19° secolo, ai calici decorati Perrier-Jouet collezione Grand Epoque.

Foto e tavola di Marie Caroline de Ribet

I calici rosso vino ci ricordano il tema del mese, come pure le composizioni di fichi e uva, create dalla padrona di casa e sistemate simmetricamente ai lati del centrotavola.

Foto e tavola di Marie Caroline de Ribet

Una visione completa dell’apparecchiatura: sulla base bianco latte della tovaglia antica risaltano i colori dei calici, dei fiori e della frutta, rendendo l’insieme piacevolmente movimentato. Da notare la sistemazione delle forchette con i rebbi all’ingiù, secondo le regole dell’apparecchiatura alla “francese”. In questo modo si metterà in evidenza il monogramma o lo stemma di famiglia.

Foto e Tavola di Marie Caroline de Ribet

La composizione di frutta, formata da Fichi e Uva, a fine pasto sarà a disposizione degli invitati che, grazie a delle apposite forbicine da tavola, potranno recidere piccoli grappoli individuali senza rovinare l’insieme.

Foto e tavola di Marie Caroline de Ribet

La bellissima composizione di fiori a centrotavola con ortensie, gladioli e sambuco, è stata ordinata da Marie Caroline da un famoso fiorista del 16° arrondissement, Maison Fleurus.


GRAPPOLI FIABESCHI

Devo confessare che quando ho ricevuto le foto di questa tavola sono rimasta attonita. Mi sono sentita trasportata in una fiaba di Perrault, “Pelle d’Asino”, con la Principessa e i suoi i tre abiti risplendenti: l’abito color del Cielo, della Luna e del Sole. Un insieme così soave di preziosità, delicatezza e armonia è raro trovarlo. Vanessa Sabet Palacios di Table.centric mi ha saputo emozionare, regalando questa meravigliosa composizione dove l’Uva e i Fichi fanno da contorno ad un “Ensemble” magicamente diretto ed orchestrato.

Foto e allestimento by Vanessa Sabet Palacios di Table.centric

Le sfumature delicate del cielo, le tonalità pastello dei calici preziosi, i tovaglioli antichi ricamati, la tovaglia che sembra essere stata creata appositamente per questa tavola.. ogni elemento va valutato per cogliere la raffinatezza di questo allestimento.

Foto e allestimento by Vanessa Sabet Palacios di Table.centric

Composizioni di Ortensie nelle sfumature del celeste nube e blu si armonizzano con i grappoli d’uva sapientemente inseriti nel vaso centrale. Piccoli fichi viola fanno capolino qui e là a richiamare le sfumature dei calici. Anche questa è Arte.

Particolare della decorazione a centrotavola creata da Vanessa Sabet Palacios.

Abbiamo scelto insieme con Vanessa questa foto perchè ben rappresenta lo spirito con cui è stata creata questa tavola. Risalta qui infatti tutta la delicatezza dell’allestimento che, pur essendo pieno di oggetti, risulta molto leggero e armonioso, quasi creato dalla bacchetta magica di una fata appunto. I cristalli, importanti ma mixati sapientemente nei colori e nelle forme, si integrano nellapparecchiatura senza appesantirla.

In questo scatto viene messa in risalto la raffinata delicatezza del posto tavola, con i piatti in vetro “Dancing Butterflies” dipinti a mano dall’artista Coco de Dampierre, specializzata in pitture di oggetti e complementi in vetro per la tavola, e del tovagliolo antico in bisso di lino ricamato e bordato da pizzo Chantilly.


CENTROTAVOLA

Qualche idea veloce per allestire dei centrotavola settembrini. L’utilizzo di frutta fresca faciliterà molto il tempo di realizzo. Non bisogna essere delle esperte di composizioni per creare dei centrotavola ben strutturati. Si potranno aggiungere dei fiori freschi tra un frutto e l’altro per alleggerirne la disposizione.

Ph via

Ecco una composizione di rose con un mix di frutta: susine, ciliegie, uva spina, ribes rosso, mele, pesche e mirtilli. Delle foglie di menta aggiungono il loro fresco profumo. Le alzate a più piani sono un elemento molto utile, sia come soprammobile sia come centrotavola riempite di fiori e frutta. Possono essere parte di un importante servizio da tavola, in questo caso avranno lo stesso decoro delle stoviglie in porcellana, oppure essere un elemento a sé stante, in vetro o argento o metalli più o meno preziosi.


Un’alzata a più piani hand-made: un ramo centrale funge da supporto per i ripiani costituiti da “fette” di tronchi di albero riempite di grappoli d’uva, fichi, pesche e melograni.

Una composizione che servirà non solo a decorare un angolo all’aperto o un buffet, ma sarà un modo molto divertente per mettere a disposizione degli invitati frutta fresca a fine pranzo.

Ph via


Questa bellissima composizione, che ricorda le pitture fiamminghe di tavole imbandite e meravigliosi allestimenti, richiede in effetti un po’ più di abilità nella sistemazione dei fiori e dei grappoli d’uva: Rose, Peonie, Dalie, Uva e fogliame vario, tra cui rami di ulivo mescolati a bacche ed asparagina. Legata alla sommità della base in argento ci sarà naturalmente una spugna da fiorista ben imbevuta d’acqua e ricoperta di cellophane per non rovinare il metallo sottostante.

Ph via


QUALCHE IDEA IN PIU’..

Anche uno stuzzichino semplicissimo come l’ accostamento di Prosciutto & Fichi ha un aspetto decisamente più goloso ed invogliante se presentato con garbo.

Complice di questo scatto un bellissimo piatto da frutta vintage di Ginori.

Scovare tra oggetti del passato regala il piacere di dare loro nuova vita adattandoli al nostro stile e personalità.

Foto e piatto di Martina Romiti di Still Nuovo

Foto e Styling di Martina Romiti di Still Nuovo

Dei piatti che sono davvero una delizia, con un decoro delicato in verde e oro. Perfetti per presentare un aperitivo o spuntino ma anche per essere inseriti di rigore su una tavola elegante. Per antipasti, sistemati sopra il piatto piano, oppure come piatti da frutta o dolce.


Un’altra idea che Martina ci propone per la tavola settembrina: una coppia Sale & Pepe in ceramica con decoro di uva in rilievo. Perfetta per un allestimento nel verde della campagna o di un terrazzo o giardino cittadino.

Foto e styling di Martina Romiti di Still Nuovo


E per chiudere in bellezza trovo delizioso questo cestino da raccolta proposto da nene.labrocante, perfetto da portare nelle gite o pronto all’uso in una casa di campagna.

Riporta indietro nel tempo con un tocco romantico e può essere un meraviglioso centrotavola per una tavola country.

Condividi su:
Translate »