Oltrelatavola
You Are Reading

La Castagna nel piatto

75
Cooking Cooking 2021 Curiosità

La Castagna nel piatto

La castagna nel piatto - Oltrelatavola

Ph via

La protagonista della stagione autunnale, sia in cucina che nelle decorazioni, è indubbiamente la castagna. Questo meraviglioso frutto autunnale, dal caratteristico sapore dolce e profumato, oltre ad avere molte proprietà nutrizionali e curative (le castagne contengono molto potassio e magnesio e per questo indicate per rafforzare i muscoli e la circolazione) può essere utilizzato in cucina per preparazioni sia salate che dolci.

Un tempo le castagne venivano considerate “il pane dei poveri” perché dalla loro farina si poteva facilmente preparare il pane ed altre pietanze utili a sfamare intere famiglie. Oggi l’uso delle castagne si è ampliato, coprendo tutte la preparazioni culinarie, dall’antipasto al dolce.

Inoltre i principi attivi contenuti nelle foglie e nella corteccia di castagno sono preziosi per combattere la tosse e purificare le vie respiratorie.

In Italia si trovano magnifici castagneti tra i quali a Cuneo in Piemonte o a Vallerano nel Lazio e il momento migliore per raccoglierne i frutti è dall’inizio a fine Ottobre: infatti proprio in questo periodo si troveranno sul mercato le castagne più dolci e morbide.

Ph via


ZUPPA DI CASTAGNE E FARRO

Una zuppa profumata da preparare nelle prime giornate fredde d’autunno, da accompagnare come tradizioni con crostini di pane, strofinati con uno spicchio d’aglio.

INGREDIENTI

  • – 800 gr di castagne
  • – 4-5 patate
  • – 300 gr di farro già bollito
  • – 2 rametti di rosmarino
  • – 4 foglie di salvia
  • – 1 porro
  • – brodo vegetale
  • – pepe
  • – olio evo

Ph via

Sbucciate le castagne e lessatele facendole bollire con una foglia di alloro a fuoco lento.

In un coccio mettete dell’olio evo e fate soffriggere il porro, aggiungete le patate pelate e fatte a pezzetti e dopo pochi minuti aggiungete gli odori (salvia e rosmarino) ed il brodo vegetale.

Continuate la cottura delle patate, aggiungete le castagne (in parte intere ed in parte schiacciate con la forchetta) ed il farro. Continuate a cuocere fino a che le castagne non siano completamente cotte.


GNOCCHETTI DI CASTAGNE

Un primo piatto delicato e adatto ad essere servito anche in una cena autunnale elegante.

Ph via

INGREDIENTI

  • 300 g di farina di castagne
  • 150 g di farina 00
  • 300 ml di acqua
  • sale fino q.b.

PER IL CONDIMENTO:

  • burro q.b.
  • foglie di salvia fresche q.b.

Su un piano da lavoro, versate la farina di castagne, la farina 00 e il sale, poi pian piano iniziate ad aggiungere l’acqua e impastate con le mani fino ad ottenere una palla di impasto compatta. Fate riposare l’impasto in frigo per un’ora, avvolto nella pellicola. In seguito, una volta fuori del frigo, formare dei salamini di impasto e tagliarli a tocchettiTuffateli in acqua bollente fino a che non vengano a galla.

Sistemateli in un piatto da portata e versatevi sopra il condimento con Burro e Salvia. Decorare con qualche foglia di salvia fresca e portare in tavola.


BON BON DI CASTAGNE E CIOCCOLATO

Delle palline morbide con base di castagne e cioccolato, ideali da servire ad un the oppure a fine cena insieme al caffé.

INGREDIENTI

  • 150 gr. di castagne secche
  • 50 gr. di cioccolato fondente
  • zucchero granulato
  • un pizzico di sale

Ph via

Mettete a bagno il giorno prima le castagne, poi cuocetele in una pentola per un’ora nella loro acqua con un pizzico di sale.
(se utilizzate la pentola a pressione per cuocerle dimezzate i tempi di cottura).
Grattugiate il cioccolato fondente. Aggiungete le castagne intiepidite con poca acqua di cottura e schiacciatele con una forchetta mescolandole al cioccolato. Formate delle palline e passatele sullo zucchero.

Sistemate le palline delicatamente in pirottini di carta.


MARRONS GLACES

Un classico della pasticceria da gustare a fine pasto o serviti come raffinata golosità ad un the pomeridiano, intervallati, come tradizione, con violette di zucchero.

INGREDIENTI per circa 30 Marrons Glacés

  • 2 tazze di zucchero di canna
  • un pizzico di sale
  • 1 kg di castagne fresche già sgusciate
  • 1 stecca di vaniglia (oppure zucchero vanigliato)
  • acqua

Ph via

Per lo sciroppo:

Uniamo in una casseruola 2 tazze di acqua, lo zucchero, il sale e la vaniglia. Mescoliamo bene e mettiamo a cuocere a fuoco medio, fino a portare ad ebollizione. Abbassiamo la fiamma e cuociamo per circa 25-30 minuti, mescolando sempre per non farlo attaccare.

Per le Castagne:

Nel frattempo mettiamo le castagne in una pentola, copriamole con l’acqua e portiamole ad ebollizione. Abbassiamo allora il fuoco e facciamole cuocere per 15 minuti. Quando saranno pronte le scoliamo e le facciamo raffreddare sotto l’acqua fredda.

Aggiungiamo le castagne allo sciroppo di zucchero, copriamo il tutto e facciamo ancora cuocere per altri 20 minuti. In seguito lasciamo raffreddare il tutto a temperatura ambiente e successivamente mettiamo a riposare nel frigo per una notte.

Il giorno facciamo di nuovo bollire il composto per circa 15 minuti. Passato il tempo necessario, facciamo raffreddare le castagne nel loro sciroppo e rimettiamole nel frigo per un’altra notte.

La mattina seguente riprendiamo le castagne, le togliamo dallo sciroppo delicatamente, le poggiamo su una griglia per qualche minuto a sgocciolare e le riponiamo un barattolo di vetro, coperte dallo sciroppo zuccheroso.

Marrons Glacés sono finalmente pronti! Dopo questo procedimento lungo e laborioso potrete conservarli in frigo per non più di 2 settimane.


Ph via

Condividi su:
Translate »