Oltrelatavola
You Are Reading

Il Colore del Natale

56
Decorazione Allestimenti Tavola Decor 2020 Natale

Il Colore del Natale

Il Colore del Natale

Ora che stiamo per entrare nello spirito natalizio bisogna pensare all’allestimento della tavola di questi giorni di festa. Che si passi in famiglia la sera della Vigilia o il pranzo il giorno di Natale, si cercherà di trasmettere ai nostri cari un senso di calore e di accoglienza preparando con cura la nostra tavola.

Ognuno seguirà il proprio gusto e il proprio stile secondo il tipo di ricevimento che vorrà dare: familiare, sociale, di rappresentanza o persino in tête-à-tête. Perché il Natale è anche bello festeggiarlo in due, con l’albero illuminato, le decorazioni sparse per casa ad arricchire gli angoli preferiti e la musica natalizia in sottofondo.

Cristalli trasparenti in contrasto con il verde pino della tovaglia, punti luce di candele nei piccoli fiocchi di neve di vetro opaline, segnaposto in lino ricamato e posate mixate come piace a me: legno a torchon mescolato con posate fine ‘800 per il servizio da pesce.

Ma quali tinte usare per la nostra tavola di Natale? Sarebbe presuntuoso suggerire in assoluto quale abbinamento cromatico scegliere. Mantenendoci sul classico i colori che da sempre fanno pensare al Natale sono il verde, il rosso, l’oro, il bianco e l’argento, generalmente abbinati tra loro in varie combinazioni. Ma si possono creare delle tavole meravigliose anche con accostamenti inusuali, come ad esempio l’arancio e l’oro il tutto spezzato da un tocco di bianco.

Ph via
Un Runner lungo tutta la tavola realizzato con la cintura di un Obi giapponese. Oro, Arancio e Bianco.

O utilizzare una tovaglia rosa fragola, magari in fiandra di cotone o in lino grezzo, e regalarle quell’aspetto festivo con dettagli argento e bianco oppure, in un abbinamento ancora più spinto, inserendoci anche un tocco di rosso.

Ph via
Una prima colazione natalizia, dove il rosa cupo dei bellissimi piatti in ceramica inglese viene abbinato ad una tovaglia a crochet bianca (con un sotto dello stesso colore) e posate argento. Due piccoli garofani appena colti donano quel tocco gentile per ben iniziare la giornata festiva.

Questi accostamenti cromatici, che a primo impatto possono sembrare difficili da gestire, con un po’ di esperienza e un occhio allenato, potranno essere molto divertenti per preparare una tavola diversa dal solito.

Regola base l’armonia tra gli oggetti e tovagliato.

Ph via
Una bellissima tavola natalizia, nei colori del Rosa cupo e Verde bottiglia, giocata sul disegno dei piatti in ceramica inglese ripreso dalla fantasia del tovagliato. Bicchieri colorati in cristallo inciso e posate in argento. Il tovagliolo, in lino bianco, viene posato lateralmente per non spezzare l’insieme cromatico di piatti e tovaglia.

Le tovaglie candide, magari quelle delle nonne in fiandra antica, regalano sempre quel sapore di convivio di altri tempi, con tutta la famiglia riunita davanti alla zuppiera fumante con i tortellini in brodo, la luce delle candele, posate e piatti del servizio “buono” tirati fuori proprio in queste occasioni dove ci si trova tutti riuniti.

Non si sbaglia mai con la tovaglia bianca. Sia che si organizzi la tavola di Natale o che si debba ricevere in altre occasioni. La classicità di questo tovagliato si può spezzare, a seconda delle proprie scelte di stile, giocando con i complementi di arredo: piatti colorati in porcellana, ceramica o vetro ma dalle linee modernissime, posate dal manico di legno o d’osso per uno stile più rustico, pupazzi da utilizzare come centrotavola.

Se ci sono dei bambini in queste riunioni di festa sarebbe carino, se non utile per tutti, allestire un tavolino a parte, per lasciarli in tranquillità con i loro tempi e la loro vivacità e permettere così agli adulti di conversare serenamente.

Mi sono divertita ad allestire una tavola pensata per dei bambini. Pratica nell’utilizzo di piatti e bicchieri in cartone ma sempre tenera con Babbo Natale disegnato sui piatti, sul regalino per ciascun bambino e ovviamente come centrotavola. E un micino grigio ad accompagnarlo nella distribuzione dei doni..

Ed infine un accenno storico sui colori natalizi.

Il rosso e il verde del Natale traggono le loro origini nelle corone di agrifoglio della cultura Romana nei Saturnalia di Dicembre e nelle festosità natalizie dei Druidi.

Ph via
Druido è un termine celtico che significa Molto Sapiente. Appartenevano alla classe dei Grandi Sacerdoti e furono descritti per la prima volta nel DE BELLO GALLICO di Giulio Cesare.

Nell’Europa del Nord il rosso era anche il colore di Sif, dea dell’agricoltura e moglie di Thor. Era perciò il colore dei raccolti maturi, dell’amore e della rinascita.

L’oro è legato invece alla tradizione cristiana: questo colore ricorda il dono del primo uomo saggio o Mago, Gaspare; le tre sacche riempite di monete d’oro di San Nicola come dono ai più poveri ed infine è il colore della stella cometa annunciante la Natività.

Condividi su:
Translate »